Blog: http://salvoilmondo.ilcannocchiale.it

Il partito dell'amore di "Scarface" Berlusconi

  "Dopo quanto accaduto in Piazza Duomo il clima politico sembra cambiato, è cambiato in meglio: si è certamente rasserenato e la stragrande maggioranza degli italiani si è iscritta a quello che qualcuno ha chiamato ironicamente partito dell'amore.Il messaggio dell'amore che vince sempre su cio' che invece e' l'esatto contrario dell'amore. Credo che praticando questa filosofia e avendo nel cuore questo concetto noi possiamo veramente fare delle cose importantissime.''

Questa è una delle tante parabole di amore e fratellanza rilasciate dal nostro Messia "Scarface" Berlusconi dopo il lancio della statuina sulla sua faccia plastificata.

Questo è uno dei concetti più pericolosi che si possa esprimere in democrazia. Aldilà delle belle parole il concetto di fondo che "San Silvio da Arcore" intende è che chiunque non sia d'accordo con la sua politica è soltanto un istigatore di odio, disfattista ed anti-italiano!!!

Un personaggio possessore di tre televisioni e che indirettamente controlla l'informazione pubblica pretende anche il silenzio di chi con coraggio fa vedere tutto lo schifo in cui è immersa la nostra Italia.

Dove sono le notizie dei disoccupati del Nord-Est (caso Eutelia); Termini Imerese, Melfi e Pomigliano d'Arco (caso FIAT), la spazzatura di Palermo (città governata dal centrodestra), il debito pubblico al 112% che ci costa 75 miliardi di euro d'interessi l'anno..(altro che 3 miliardi di tasse rientrati con lo scudo fiscale); la disoccupazione salita in 2 anni all' 8%; l'inflazione quasi ferma all'0,8% (ciò significa stagnazione dei consumi), Ferrovie allo sbando, ospedali del Sud sempre più fatiscenti...etc..etc..etc..

L'unico partito dell'amore che interessa a "Casanova" Silvio è quello del suo giro di prostitute che l'informazione lecchina ha tentato più volte di nascondere. Finchè ci sarà al potere questo cartone animato vivente non ci potrà essere dialogo.

 

Pubblicato il 7/1/2010 alle 0.3 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web