Blog: http://salvoilmondo.ilcannocchiale.it

I pagliacci di Pontida

      Ci risiamo! Come ogni anno un gruppetto di mentecatti a Pontida,  sperduto paesino della "Padania", inneggiano alla Secessione.

Fazzoletto verde intorno al collo, solita faccia incazzata, vene che fuoriescono dal collo! Vecchietti e giovani cerebrolesi che sembrano usciti da un centro per malati mentali che sventolano bandiere con croci celtiche e ipotetici eroi "Nazionali" (Alberto da Giussano).

"O federalismo subito o secessione", "Abbiamo scelto la via pacifica per raggiungere il nostro obiettivo, ma abbiamo i fucili pronti se serve". Sono alcune delle frasi pronunciate dal sempre più moderato "senatur" Umberto Bossi in uno dei suoi più celebri discorsi. Quest'anno ad aumentare il livello culturale dei partecipanti a questa annuale pagliacciata estiva ci ha pensato Il pluridecorato Renzo "Einstein" Bossi, erede designato al trono della nuova Nazione Padana! Un ragazzo dalle mille qualità. Talmente bravo a scuola che ha deciso di ripetere tre volte l'esame di maturità, così intelligente da creare su facebook un'applicazione chiamata "Bombarda il clandestino"! Eppure eccolo li!  Consigliere regionale della Lombardia in rappresentanza delle circa 12 mila persone di Brescia che lo hanno votato nelle scorse elezioni. 

In un Paese normale certa gente verrebbe subito rinchiusa in centro di igiene mentale con trattamento sanitario obbligatorio, invece qui in Italia è la nostra classe dirigente, Ministri della Repubblica, Presidenti di Regione, Sindaci di importanti città italiane. Naturalmente ad aiutare questi folkloristici personaggi a raggiungere il potere non poteva mancare il nostro caro vecchio "Fratello di Bossi" Silviuccio B. con la sua informazione anti-immigrati, anti-rom ed anti-rumena.

Chi non ricorda nei mesi precedenti l'elezioni del 2008, i bombardamenti di notizie relative a stupri, incidenti stradali causati da guidatori ubriachi, risse, rapine tutti rigorosamente fatti da persone di nazionalità straniere, meglio se rumeni o rom! Dove sono finite tutte quelle notizie? Dove sono finiti i barconi di clandestini che ogni giorno (soprattutto nei periodi estivi) arrivavano a Lampedusa? Possibile che all'improvviso in Italia non ci siano più reati?

Come sempre sono domande che non trovano risposta!

Pubblicato il 21/6/2010 alle 2.29 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web